ARREDAMENTO DELLA ZONA BUFFET E DEL DOPO CENA - Wedding Planner Toscana
054913bc-9e1e-41c9-ade3-2e02775c33f8

ARREDAMENTO DELLA ZONA BUFFET E DEL DOPO CENA

Share on facebook
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

ARREDAMENTO DELLA ZONA BUFFET E DEL DOPO CENA

Qualcosina potete già trovarlo scritto nel blog precedente di cui vi lascio in link: https://www.ilgiornoperfetto.it/siamo-degli-sposi-di-maggio/, ma vorrei aprire un testo ben dettagliato attraverso questo articolo, ovvero l’arredamento della zona aperitivo e dopo cena. Spesso esso si dà per scontato, lasciandolo un po’ al caso.
“Ma tanto in questa zona le persone mangeranno, non faranno notazioni”, o “Il dopo cena è fatto per divertirsi e ballare, chi se ne frega dell’arredamento”.
Avrei milioni di cose da dire al riguardo…
I vostri invitati lo notano, la differenza tra un luogo ben allestito ed in tema, come può essere la sala della cena, ad un luogo spoglio e lasciato al destino, si vede!
Quindi, vediamo insieme l’ arredamento della zona buffet e del dopo cena. A volte, bastano piccoli dettagli per abbellire!

Partiamo con l’aperitivo di benvenuto. E’ la primissima accoglienza offerta ai vostri ospiti quando arriveranno in location. In questo step, io personalmente, tendo a prendere tempo per far riunire tutti gli ospiti, offrendo loro bollicine, mandorle/noccioline, sorrisi smaglianti ed accoglienza discreta da parte dei camerieri. Ciò, se fatto bene, darà un primo impatto molto positivo. Qui è difficile intravedere lo stile del matrimonio, diciamo che in questa fase ancora resta una sorpresa. La curiosità delle persone, rende il tutto più euforico.
L’unico spoiler, può darlo una eventuale scalinata, entrata della location allestita, dato che sarà in perfetta armonia con il restante del mood.

Cosa non fare MAI

Tanti sposi non si rendono conto dei brutti scenari a cui si potrebbe assistere, per cui, tenete presente che gli ospiti non verranno mai a dirvi:
“Cosa state facendo? Non si fa!”
Bene, loro no, ma io ve lo dico volentieri cosa è meglio evitare.
Non potete chiedere di far spostare o spostare di vostra volontà le SEDIE da una parte all’altra. Se farete il rito in loco, le sedie non saranno le stesse della cena. Se la location non le disponesse, la risposta è solo una, noleggio!
Non per cattiveria ma…
Potete immaginare voi stessi, dopo il rito, al momento del buffet, i camerieri invece di servire gli ospiti, corrono avanti ed indietro per fare il prima possibile con lo spostamento delle sedie in sala…
Non è bello vedere un’immagine del genere, vi assicuro che toglie punti.

La riuscita di un buon buffet

Cosa c’è di meglio di bere cocktail di qualità, stuzzicare cibo gustoso, con accompagnamento di buona musica?
Lo so che questo, è il momento preferito di tutti noi. Soprattutto quando il luogo dove si celebra il festeggiamento non è da meno. Un vero e proprio momento di relax, passato tra famiglia ed amici.
Per riuscire ad eseguire un buon angolo buffet è importante non strafare, questo per quanto riguarda il tavolo stesso con il cibo. Il cibo, deve già presentarsi bene di base e questo fa figura di suo. Possiamo accostare piccole composizioni floreali ai lati, per riportare il mood floreale dell’intero evento, o ricreare uno scenario in tema con il matrimonio, un ambiente imprevedibile e concentrato in pochi metri, carino, elegante e sobrio.
Vi faccio un esempio, se avessimo come stile un matrimonio con dettagli boho chic, in questo angolo buffet, potremmo mettere a terra tappeti persiani con vasi di secco e pampas, riparati da una sorta di tenda indiana in tessuto grezzo. Ovviamente dobbiamo tenere in mente la tipologia di location, non sempre un qualsiasi allestimento sta bene in qualsiasi luogo.
Se volessimo rimanere su opzioni più basiche, ma volessimo comunque metterci lo “zampino” per cambiare od innovare qualcosa che la location non ha, la soluzione che spesso consiglio è quella di ricreare dei salottini; Noleggiare quindi sedute e tavolini particolari, in ferro bianco battuto, in vimini, in plastica trasparente, divani indiani, tutto dipendente dalla tipologia di stile.
Come potete aver notato, non sono arredamenti esagerati ed impossibili. Bastano veramente poche accortezze per rendere anche questa zona apprezzata, fotografata, allegra e bella!

Arredare la zona del dopo cena

Il dopo cena non ha regole diverse dal buffet. Tengo a ricordare una cosa molto importante che tanti sottovalutano.
Il dopo cena, ovvero il momento della pura festa e del divertimento, solitamente viene svolto dopo le 22.30 (salvo matrimoni con orari diurni), questo vuol dire, che la zona dovrà essere BEN illuminata, o l’alternativa che penso non piaccia a nessuno sarà quella di ballare al buio. Ci sono luoghi illuminati di proprio ma ce ne sono molti con scarsa illuminazione, assicuratevi che essa non manchi. E’ un fattore che determinerà moltissimo la chiusura della serata.
Anche la musica in questa fase risulta essere molto importante. Che dopo cena sarebbe se le persone non ballassero?
L’atmosfera dovrà far movimentare tutti, grandi e piccini.
A livello di arredamento, potete lasciare i precedenti arredi (quelli dell’apericena) per far accomodare e riposare chi non sta al passo degli scatenati, e ciò evita di lasciare spazi vuoti nell’ambiente, bello quindi visivamente.
Se vorreste ancor di più momenti e scene frizzantine, libero sfogo agli spettacoli, fanno sempre un bel contorno a livello estetico.
In questa fase della serata, avverrà il taglio torta. Zona che dovrà esser in particolar modo allestita.
Candele in varie grandezze che donano punti luci, e fiori, tanti fiori (li consiglio sempre, al contrario, il tavolo torta risulterebbe vuoto, di conseguenza le foto…)
Con fuochi di artificio in sottofondo, voi sorridenti a fare un brindisi che vi legherà per tutta la vita, cosa chiedere di più?

Vi invito a leggere nuovamente un nostro intervento su Zankyou: https://www.zankyou.it/p/cosa-fa-esattamente-un-wedding-planner-ecco-le-5-cose-di-cui-si-occupa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati