COSA FARE QUANDO LO SPOSO SI CREDE WEDDING PLANNER - Wedding Planner Toscana
b807849d-0135-4327-a584-69580a74be67

COSA FARE QUANDO LO SPOSO SI CREDE WEDDING PLANNER

Share on facebook
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email

COSA FARE QUANDO LO SPOSO SI CREDE WEDDING PLANNER

Ne ho avute da dire un po’ per tutti. Soprattutto per coloro che ricoprono il ruolo di madri e suocere, come già messo per iscritto: https://www.ilgiornoperfetto.it/mamme-e-suocere-wedding-planner/. Nonché, coloro che, su esperienze personali hanno causato più discussioni di chiunque altro! Scendendo di uno scalino, in ordine di persone con titolo “So tutto io”, troviamo anche lui, difficile da credere ma facile da scrivere: LO SPOSO.

Pensiamo spesso che è la donna a dettar legge, soprattutto in tema matrimonio, dove la bellezza e la precisione è all’ordine del giorno, da cui, automaticamente si conclude che l’uomo ha poca voce in capitolo. Anzi mi spiego meglio, il matrimonio verrà eseguito su sua misura e su quella della sposa, ma… Raramente egli prende le redini del tutto. Quando lo fa però, si salvi chi può!

Lo sposo assente

Adoro quando nel mio ufficio sento vociare sia l’uomo che la donna, di solito sento sempre e solo lei, mentre lui, nel suo mondo a disparte, prende il telefono e si fa gli affari suoi. Io alla fin fine, ricevo ed aiuto coppie ad organizzare il loro giorno, non aiuto solo donne nella loro impresa più importante ed ansiosa della vita. Quindi dialogare ed ascoltare idee di entrambi mi rende particolarmente soddisfatta, anche per far sì di accontentare e soddisfare ambedue. E di non trovarmi sul matrimonio magari, con una frase del marito del tipo:” Non mi piace il colore rosa delle tovaglie.”
In caso contrario però, posso irritarmi tempo zero quando lo sposo di crede Wedding Planner.

Cosa fare quando lo  sposo si crede Wedding Planner

A questi due tipi di persone, preferisco alla gran lunga, l’uomo che sta nel suo. Consapevole del fatto che sua futura moglie, un minimo, i gusti del futuro marito li conosca e ne sia a conoscenza.
Il dramma è quando mi si presenta in studio, un uomo con la stessa autostima di Samantha Jones di Sex and the City, che fosse stato per lui avrebbe coperto le spalle con un pelliccione da 3.000 euro, ed un paio di tacchi 12 cm di Manolo Blahnik.
Agenda sottomano, contratti nelle bustine trasparenti porta fogli, lista fornitori salvata sul telefono, e con un grande sospiro, si accomoda. La sua ragazza, quando arriva, arriva, non ha granché importanza.
“Allora, mi ripete i banqueting? Ho visto le varie fasce di prezzo e non ci siamo. Vorrei altre proposte, ma stando nel mio budget.”
“Il fotografo non penso faccia al mio caso, scusi, nostro, volevo dire. Foto troppo romantiche. Qualcosa di più scenico, sarebbe perfetto.”
“La mia ragazza sarebbe proiettata su uno stile Bohemien, ma parliamoci chiaro, é out ormai, mi ci vede?”
“Il timeline non è assolutamente corretto, come riusciamo in sole due ore a fare le foto?”

Ebbene sì, esistono anche questi tipi di sposi, rari ma esistono. Persone che proprio non riescono ad adagiarsi sulle mille esperienze del mio lavoro, a fidarsi, a farsi guidare. Persone che purtroppo, non sapendo a cosa vanno in contro, si proiettano in una realtà a loro sconosciuta, rischiando praticamente su tutto.
Non faccio quel che faccio, per mettermi contro di voi, ma bensì per AIUTARVI. Non vedetemi come una figura minacciosa che vuole prendere decisioni al posto vostro, non è così!
Prima di presentarvi da me, fatevi due domande per capire al meglio di cosa avete bisogno. Chiedetevi se in primis un evento del genere riuscite a gestirlo da soli; Solo se la risposta è no, allora venite da me, vi accolgo volentieri.
Se invece, al contrario, siete sicuri che avete del potenziale nascosto tra le vostre doti, superiore a chiunque altro, a malincuore vi dico di non venire da me.

Ps:

Io però, alla fine di tutto ciò, posso dimostrarvi che ciò che dico è valido, attraverso foto, video, recensioni, attestati, diplomi. Voi, forse, no.
Troppo spesso mi sono sfinita e fatta il fegato marcio, per aiutare coppie nella loro impresa, pur non essendo d’accordo su niente. Oggi dopo 45 anni di pazienza e 20 anni di carriera, mi permetto di dire basta.
Il lavoro della Wedding Planner, esiste soprattutto grazie a coppie che le danno la fiducia, affidabilità.

E adesso, dopo alcune piccole risatine, e nervi gonfi, vi lascio un intervento che già vi ho lasciato precedentemente su Zankyou, https://www.zankyou.it/p/ma-quanto-costa-sposarsi-la-parola-alle-espertedate un’occhiata! So che ancora in molti vi state ponendo questa domanda!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

RINNOVIAMO IL PHOTOBOOTH

RINNOVIAMO IL PHOTOBOOTH Chi lavora in questo settore e dona vita a matrimoni, compleanni, lauree,